Marginalizzazione attuata dai media ticinesi

La riunione assembleare della sezione ticinese dell’ Associazione svizzera del Liberi Pensatori, tenutasi sabato 12 ottobre negli spazi della Casa del Popolo a Bellinzona, ha visto la partecipazione di un folto numero di membri e simpatizzanti.

Durante i lavori è stata annunciata una modifica nella composizione del Comitato: all’uscente Jacques Ducry, intenzionato a trasferirsi all’estero, è subentrato il giovane Edoardo Cappelletti, tra l’altro consigliere comunale nel legislativo di Lugano.

Si è in seguito discusso il tema della sempre maggior marginalizzazione attuata dai media ticinesi nei confronti degli interventi di coloro che si professano senza religione, ossia una persona su cinque in Svizzera: con una preoccupante frequenza la richiesta di pubblicazione delle posizioni dei Liberi Pensatori devono essere richiamate ai responsabili dei maggiori quotidiani ticinesi. Si è anche preso atto del quasi totale discredito presso l’ente radiotelevisivo della Svizzera italiana. Media ticinesi che però non lesinano spazio e tempo al “populismo” espresso dal nuovo Papa!

Attenzione è stata data anche allo stato dei lavori del progetto sperimentale scolastico “storia delle religioni”, che in pratica è terminato lo scorso mese di giugno. Si resta in attesa delle conclusioni dei vari rapporti.

L’assemblea si è poi conclusa con un’interessante e stimolante esposizione della professoressa Vera Segre, che ha illustrato le particolarità della ricostruzione del soffitto Cervia a Bellinzona: un tesoro artistico ticinese che rischia di finire nel dimenticatoio!

 

Lascia un Commento